+

Percorso collinare Nomi – Val – Servis

Nomi (TN) - 2012

Progetto vincitore The Plan Awards 2015 (categoria "Landscape") La storia naturale di un luogo. Il progetto è frutto di un tavolo di lavoro avviato congiuntamente nel 2008 dalle amministrazioni di Isera, Nogaredo, Villa Lagarina, Pomarolo e Nomi che ha portato all’individuazione di un comune percorso di sviluppo e valorizzazione del patrimonio naturale, agrario, storico ed architettonico dell''area collinare della Destra Adige della Vallagarina per far fronte anche al progressivo abbandono dell’attività agricola rilevato negli ultimi anni. Compatibilmente con le risorse economiche a disposizione, il progetto sull’area compresa nel comune di Nomi si è composto sia di interventi di carattere ordinario che straordinario. A seconda delle condizioni dell’esistente tracciato stradale sono state eseguite operazioni di rettifica ed allargamento dei tratti a maggiore pericolosità, di rigeometrizzazione delle rampe a monte e a valle, di ridisegno e messa in sicurezza dei tornanti, pulizia e ripristino dei muri in sassi a secco e costruzione di nuovi muri di contenimento dove crollati, riconfigurazione dei sistemi di scolo delle acque meteoriche, nonché del fondo e del manto stradale. Particolare attenzione è stata rivolta, sia in fase di progetto che di cantiere, alle lavorazioni riguardanti i muri in sassi a secco tramite lo studio accurato della loro tecnica costruttiva e la formazione delle maestranze di cantiere. La scelta dei materiali – tutti legati alla tradizione rurale locale e per quanto possibile recuperati direttamente in loco e quindi a km 0 – nonchè delle tecniche costruttive è stata condotta nell’ottica della minore invasività e del massimo rispetto per la natura, che è qui la vera padrona del luogo. In località Val, in un punto caratterizzato da una particolare veduta sulla valle dell’Adige, è stato realizzato un nuovo padiglione panoramico in legno con il recupero delle tavole di un esistente manufatto abusivo ed un terrazzo panoramico semicircolare con struttura in acciaio verniciato finitura corten. La sua forma prismatica divergente apre la vista sull’intorno spaziando da Castel Beseno fino a Savignano attraverso la rocca di Calliano, Castel Noarna e le rovine del Castello di Nomi esaltando la naturale predisposizione del dosso a luogo di contemplazione del paesaggio. lunghezza percorso oggetto di intervento 2.96 km superficie muri a secco 747 mq